Archivi categoria: piccoli consigli

lavare tovaglie e tende

Oggi vi volevo parlare di come lavare le tovaglie, strofinacci e tende.

Ho pensato di affrontare questo argomento ripensando a tutte le volte che una mia cliente mi chiede: e per il lavaggio? Ma le macchie? E dunque eccomi qua a scrivere proprio su questo. Il perchè proprio nello specifico di tovagliato e tende è presto detto, è quello che realizzo e vendo.

2011-05-17 17.54.392011-05-17 17.55.01

 

 

 

 

 

 

 

 

Bisogna premettere che di macchie ce ne sono veramente di tanti tipi, come altrettanti sono i tessuti, e cosa importante, ogni tessuto trattiene la macchia in modo differente.

Cascata_Barbiano_intermedia

 

L’acqua è un bene prezioso e non bisogna sprecarlo, quindi è bene fare le lavatrici quando sono piene o, in caso contrario, utilizzare il tasto di mezzo carico che molte lavatrici hanno.

Le più sofisticate di oggi, hanno anche il consumo d’acqua variabile a seconda della quantità di bucato, e qui siamo al top!

 

 

thermometer-153138_640

 

Un buon tessuto in lino e cotone può essere tranquillamente lavato in lavatrice ad una temperatura che raggiunge anche i 60° . Io personalmente, già da molto, evito questo tipo di lavaggio, è uno spreco di energia e si rischia, inoltre, di ” cucinare” la macchia.

Inoltre i detersivi ” moderni” sono talmente evoluti che lavano benissimo anche con temperature molto basse o addirittura a freddo.

 

 

 

2015-03-01 18.15.05MAI METTERE IN AMMOLLO IL LINO!

Quante volte si sente che per eliminare le macchie bisogna mettere in ammollo il tessuto? Se questo va bene per i tessuti sintetici, è una pessima soluzione per le fibre naturali. Per capirlo basti pensare a cosa succede se si mette dell’erba a bagno per delle ore. Le fibre si rovinano, si spezza e si sfalda. Il lino ed il cotone sono piante naturali, appunto. Se la macchia va via può rimanervi l’alone tutto attorno o nel peggiore dei casi sfiocca, cioè crea quella peluria che è appunto la fibra che si sfalda e può arrivare sino al punto di rottura, anticipando di molto la fine del nostro prezioso capo.

Non serve pre-trattare, è sufficiente non lasciare la macchia troppi giorni, anche se io ho messo a dura prova i miei canovacci e le mie tovaglie, lasciandole anche 15 giorni prima del lavaggio, avendo la brutta/bella abitudine di fare una lavatrice solo di questi capi, senza mescolarli con altri. Il risultato non mi ha mai deluso. Giusta dose di detersivo ( non più di quella segnata nel fustino), temperatura massima di 30°, un goccio di aceto contro il calcare e i cattivi odori (facoltativo), niente ammorbidente. Avete letto bene. Niente ammorbidente! Prodotto pessimo per i tessuti naturali, essendo un prodotto chimico. Crea una patina che nel tempo li danneggia e trattiene lo sporco successivo. Vi posso assicurare che se i tessuti sono buoni, il tempo li renderà morbidi e vellutati. In Romagna si usa dire ” sà da farsi” : il lino si deve farsi, deve lavorare e ammorbidirsi e solo il tempo ed i lavaggi lo faranno, rigorosamente senza ammorbidente. Questo vale anche per gli asciugamani in spugna. Se la qualità è buona rimarranno morbidi anche senza ammorbidente.

Per le tende uso un paio di accorgimenti in più: detersivo liquido per delicati e bassa centrifuga ( per stirare meno). Ma nulla di più.

 

2009-05-07 13.24.55

E per i colorati? Io personalmente mai avuto problemi, il tessuto tinto in filo o anche le stampe che tratto, non mi hanno mai rilasciato alcun residuo e posso mescolare tranquillamente i vari colori assieme anche al bianco.

Attenzione che parlo dei miei tessuti tinto in filo, naturalmente questa non è la regola. Solitamente è bene dividere i capi per colore o in alternativa utilizzare la bellissima invenzione delle cartine acchiappa colore.

 

Spero vi sia utile come piccola guida, non è la Bibbia e nemmeno la Legge, è solo la mia esperienza quotidiana e le mie piccole conoscenze in materia. L’unica cosa che posso aggiungere è che ho smesso di litigare con la lavatrice nel momento che ho incominciato ad acquistare capi di qualità. Anche da qui parte il risparmio. Un tessuto buono all’apparenza costa di più, ma nel tempo si ha risparmio nel modo di lavare, di stirare e nella durata del capo stesso. Una mia zia mi diceva spesso ” Chi più spende, meno spende”, e, in questo caso, debbo darle ragione.